Reso noto l’accordo per la realizzazione di una centrale eolica nel bel mezzo del Mare del Nord, che una volta a regime potrà fornire fino a 100.000 MW di energia elettrica a sei Paesi europei. Il futuro è già qui?

Le pale eoliche non sono esattamente dei buoni vicini di casa: rumorose e dall’impatto visivo non indifferente, andrebbero sempre costruite lontano da aree popolose. Per ovviare alla mancanza di spazi scarsamente o per nulla abitati adatti all’installazione, la danese Energinet e il ramo tedesco e olandese di TenneT hanno unito le forze per la progettazione di un’isola artificiale al largo del Mare del Nord, una vera e propria centrale eolica che una volta realizzata sarà in grado di fornire 70.000-100.000 MW di energia elettrica a Germania, Paesi Bassi, Danimarca, Belgio, Norvegia e Regno Unito.

Il progetto prevede l’installazione di circa 7.000 pale eoliche sopra e attorno all’isola, che una volta terminata dovrebbe misurare 6 chilometri quadrati e disporre di una pista d’atterraggio e di un piccolo porto. Al momento non sono state fornite date precise sull’inizio dei lavori, ma è stato stimato un costo di 1,35 miliardi di euro per la sola creazione dell’isola. Un progetto fantascientifico, che va tuttavia nella direzione tracciata dall’accordo di Parigi sul clima, che prevede un consistente abbattimento delle emissioni inquinanti nei prossimi decenni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *