Ai tempi della seconda guerra mondiale gli Stati Uniti avevano seicento aerei da combattimento e non potevano entrare in guerra con quello, così si finì per produrne novantamila all’anno più i sottomarini, le portaerei, gli armamenti antiaerei e un più che adeguato personale medico per curare i veterani feriti: ovviamente, si sono mobilitati per la guerra. Per quanto ne sappiamo, non ci siamo mai mobilitati per la pace o per fornire l’abbondanza. Ci sono risorse più che sufficienti, se gestite e usate intelligentemente. Non ci sono abbastanza soldi neanche per costruire gli ospedali necessari, ecco perché dobbiamo spostarci dal sistema monetario a un sistema basato sulle risorse.
Si provi solo a immaginare che cosa accadrebbe alla quantità delle risorse mondiali, se ci mobilitassimo per la pace. Per chiarire un caso particolare, quando la gente va a lavorare l’auto rimane inattiva fuori dalla fabbrica per otto ore. In un’economia globale basata sulle risorse pochissime automobili rimarrebbero inattive, poche carrozze merci sarebbero ferme nei depositi ferroviari, poche navi rimarrebbero attraccate nei porti. Proprio come per uno sforzo di guerra, metteremmo in uso tutto ciò che è disponibile. La differenza principale è che, invece di addestrare gli esseri umani a essere macchine per uccidere, l’uomo si impegnerà con le macchine nella produzione di abbastanza beni e servizi per tutti.
#TheVenusProject #JacqueFresco 

SITO:https://www.thevenusproject.com/

FAQ:https://docs.google.com/document/d/1cnoF7g_vfVDPRfdGo7dHx8F0VDGCJnhC7ENxg94UdcM/edit

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *