di Giuseppe Priolo –


La macchina artificiale ha telecamere che riproducono la vista, microfoni per la ricezione di suoni, sensori inerziali che riproducono il senso dell’equilibrio e sensori tattili e di forza per misurare l’interazione con l’ambiente. È l’unico robot al mondo con il corpo ricoperto di una pelle artificiale. Potrà assistere gli anziani o i malati all’interno delle case, svolgere compiti pericolosi ma che necessitano di manualità accurata in ambienti lavorativi come aziende chimiche e farmaceutiche, supportare l’attività umana in contesti di emergenza e disastri naturali.
(UMDI – UNMONDODITALIANI) Tecnologia e cibo? Un duo perfetto che potremo vedere nella prossima edizione di Seed&Chips – The Global Food Innovation Summit, uno degli eventi di riferimento a livello mondiale nel campo della Food Innovation. Una vetrina d’eccezione interamente dedicata alla promozione di soluzioni e talenti, tecnologicamente all’avanguardia, provenienti da tutto il mondo. Un’area espositiva e un palinsesto di conferenze per presentare,



raccontare e discutere sui temi, sui modelli e sulle innovazioni che stanno cambiando il modo in cui il cibo è prodotto, trasformato, distribuito, consumato e raccontato. La III edizione di Seeds&Chips svolgerà dall’8 al 11 maggio 2017 presso Rho Fiera Milano in forte sinergia con TuttoFood, con l’obiettivo comune di portare a Milano il meglio del Food e dell’innovazione mondiale legata al settore. Il Summit è stato scelto dall’ex presidente degli Stati Uniti, Barack H. Obama per una tra le prime uscite pubbliche dopo il suo mandato. Il Presidente è quindi l’ospite d’onore di Seeds&Chips, a cui prenderà parte con un keynote speech, insieme a Sam Kass, lo chef e consulente nutrizionale della Casa Bianca sotto l’Amministrazione Obama.
Anche l’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT), il centro di riferimento internazionale per la ricerca scientifica ad alto contenuto tecnologico, sarà presente alla terza edizione di Seeds&Chips con alcuni tra i più straordinari progetti nell’ambito della robotica domestica e dei nuovi materiali e sistemi applicabili al settore del food. In occasione del Summit, l’IIT illustrerà i progressi di iCub, il robot umanoide più diffuso al mondo, insieme ai migliori risultati di ricerca nel campo della food Innovation, e con applicazioni che variano dal domestico all’industriale. iCub è molto di più di un robot: ha le dimensioni di un bambino di circa 4 anni, possiede 53 snodi di movimento. Ha telecamere che riproducono la vista, microfoni



per la ricezione di suoni, sensori inerziali che riproducono il senso dell’equilibrio, e sensori tattili e di forza per misurare l’interazione con l’ambiente. È l’unico robot al mondo con il corpo ricoperto di una pelle artificiale: un sensore tattile che gli permette di capire se e come viene toccato dall’uomo e di rispondere nella maniera adeguata. Nell’ultimo anno il robot ha imparato a mantenere l’equilibrio sulle sue gambe anche quando viene spinto. Recentemente iCub ha fatto ulteriori progressi: è munito di uno zainetto per contenere una batteria di alimentazione e di una scheda di connessione wireless ai computer, per essere libero da cavi e più agile nei movimenti in autonomia. Pressoché infiniti i campi di applicazione di questo umanoide, da quelli domestici a quelli industriali, dal campo biomedico al riabilitativo: il robot potrà assistere gli anziani o i malati all’interno delle case, svolgere compiti pericolosi ma che necessitano di manualità accurata in ambienti lavorativi come aziende chimiche e farmaceutiche, supportare l’attività umana in contesti di emergenza e disastri naturali.
Sempre a Seeds&Chips l’Istituto Italiano di Tecnologia presenterà le sue innovazioni sull’ultima frontiera di studio per applicazioni sostenibili e biodegradabili nel campo del food: il packaging sostenibile, per risolvere le complesse questioni della più sana conservazione degli alimenti e dello smaltimento degli imballaggi del cibo. Ogni anno infatti vengono prodotte ben 290 milioni di tonnellate di rifiuti derivanti da plastica. Gli scarti che oggi galleggiano nell’oceano potrebbero costituire un’isola grande come la Sicilia. A Seeds&Chips l’Istituto genovese presenterà gli Smart materials, ottenuti dalla combinazione di nano tecnologie e scarti alimentari, come quelli del caffè, prezzemolo e cannella. Gli scarti, trattati con solventi che evaporano durante il processo e recuperabili o processabili con altri polimeri biocompatibili, si rendono malleabili, pronti per diversi usi, ma diversamente dai polimeri derivati dal petrolio, sono completamente biodegradabili. Sarà possibile avvolgere un ortaggio con una plastica 100% biodegradabile prodotta con gli scarti dell’ortaggio stesso. In questo modo, il packaging potrà essere differenziato nell’umido. Inoltre, questo tipo di packaging conserva le proprietà del prodotto alimentare da cui deriva, per una migliore e più salutare conservazione dei cibi. A Sac2017, l’IIT porterà anche le innovazioni di Nanochrome, progetto di startup che propone test diagnostici grazie alla combinazione di nanotecnologie e strumenti di biotecnologia e biologia molecolare, per realizzare analisi a basso costo, semplici e rapide. I principali campi di applicazione includono sensori per il controllo diretto della qualità del cibo e dispositivi per la rilevazione di metalli tossici e altri contaminanti nell’acqua potabile. “L’IIT rappresenta – ha dichiarato Marco Gualtieri, ideatore di Seeds&Chips – l’eccellenza delle scienze e delle innovazioni nel mondo, un orgoglio per l’Italia. Gli eccellenti risultati in campo alimentare, e non solo, che l’Istituto propone al nostro Summit giungono grazie a straordinari investimenti in ricerca e sviluppo di tecnologie e ad un lavoro di squadra eccezionale, a beneficio di tutti noi e dell’ambiente. Realtà come l’IIT dimostrano che l’Italia può essere punto di riferimento internazionale nell’innovazione legata al food, raccogliendo l’eredità di Expo 2015”.
03 / 05 / 2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *