Il passaggio al DVB-T2 è in Finanziaria: 40 milioni di TV da adeguare entro giugno 2022

Lo switch off con l’inserimento in Finanziaria è ufficiale: entro il 30 giugno 2022 le attuali trasmissioni del digitale terrestre verranno spente a favore dello standard DVB-T2 con codec HEVC. Più del 90% dei TV attualmente nelle case degli italiani non saranno in grado di ricevere le nuove trasmissioni e richiederanno un decoder aggiuntivo o la sostituzione dell’intero apparecchio.

Ora non si scherza più e si esce dalla ridda di ipotesi ed opinioni: lo spegnimento entro il 2022 delle attuali trasmissioni digitali terresti e lo switch off al DVB-T2 si appresta a diventare legge. Infatti, nel testo della Finanziaria 2018 trapelato in queste ore, è stato inserito un lunghissimo articolo, il n. 89, intitolato “Uso efficiente dello spettro e transizione alla tecnologia 5G” che norma tutte le fasi e i tempi del passaggio alla nuova modalità trasmissiva TV, che renderà obsoleti milioni di apparecchi in tutta Italia. Un articolo molto complesso e tecnico, tanto che, malgrado impatti praticamente su tutti gli italiani, è stato al momento trascurato dalle tante analisi della legge Finanziaria uscite in queste ore.

Lo spegnimento delle trasmissioni DVB-T attuali è motivato dalla restrizione delle risorse frequenziali destinate alle trasmissioni TV a causa della cessione al 5G della banda 700, questa (e solo questa) stabilita dall’Europa. Il processo operativo inizierà il 1 gennaio del 2020 e terminerà entro e non oltre la scadenza tassativa del 30 giugno 2022, un periodo di due anni e mezzo molto più corto dello switch off dell’analogico per il quale furono necessari 6 anni.

Come per il passaggio dall’analogico al digitale, il processo di passaggio al DVB-T2 non sarà all’unisono su tutto il territorio nazionale ma avverrà in modo parcellizzato per zona geografica, secondo un piano da stabilirsi a cura dell’AGCOM (il codiddetto PNAF, Piano Nazionale Assegnazione Frequenze) entro il 31 maggio dell’anno prossimo. Il passaggio dovrebbe comportare, anzi comporterà sicuramente anche una migrazione all’HEVC (anche se la legge non cita mai il codec ma solo la modalità trasmissiva DVB-T2), il che renderebbe le trasmissioni compatibili praticamente solo con i TV venduti da quest’anno in poi, salvo poche eccezioni.

Dalle frequenze alla capacità trasmissiva

Una questione chiave della vicenda è il passaggio concettuale e concreto dalla concessione delle frequenze a quella della capacità trasmissiva: in pratica, dopo il riassetto e la cessione della banda 700 non ci sarà più lo spazio per lo stesso numero di multiplex, anche se la contrazione delle frequenze, in termini di banda passante, verrà compensata dal passaggio alla nuova e più efficiente modalità trasmissiva. Quindi la legge dispone che le concessioni di frequenze vengano convertite in concessioni di capacità trasmissiva; come dire che verrà mantenuta in qualche maniera la banda disponibile per ogni emittente, il bitrate, a prescindere dal multiplex che lo rende disponibile. Questo significa che, salvo casi particolari che assomigliano più a delle coincidenze che altro, ci saranno multpliex condivisi tra diverse emittenti, soprattutto per quello che riguarda i canali locali, e non è chiaro come questa coabitazione verrà normata. In particolare, la legge Finanziaria dispone anche che l’informazione locale venga convogliata su un solo multiplex in banda UHF, con il 20% della capacità trasmissiva dedicata a RAI3 e il resto alle emittenti locali che si impegneranno a realizzare canali di informazione e servizio pubblico. Il piano prevede anche la riforma completa della numerazione unica, il famigerato LCN che è tuttora oggetto di contenzioso; la revisione delle numerazioni porterà con sé inevitabili polemiche e, se dobbiamo vedere la storia, anche gli inevitabili ricorsi al TAR di chi si sentirà penalizzato dai nuovi assetti.

Il nodo dei tempi e l’impossibilità di fare simulcast

I tempi previsti dalla legge sono molto stretti, soprattutto per un passaggio a una modalità trasmissiva, il DVB-T2 con codec HEVC, che al momento vede, se va bene, solo il 5-8% del parco installato essere compatibile. Ma la strettoia maggiore verso il 2022 è l’impossibilità per qualsiasi emittente di fare simulcast, ovverosia trasmissioni contemporanee nel vecchio e nel nuovo formato: in pratica, emittente per emittente, dall’oggi al domani, andranno liberate le vecchie frequenze per andare ad occupare quelle nuove previste dal PNAF, con un contestuale cambio della modalità trasmissiva, senza un periodo di transizione con entrambe le messe in onda. Ma non ci sarà possibilità di una “coabitazione” del medesimo canale nei due sistemi, cosa che permetterebbe, come fu tra il 2004 e il 2012, di far metabolizzare agli utenti il passaggio. Questa volta sarà tutto molto più repentino, ammesso che tempi e scadenze siano effettivamente rispettabili. Ma soprattutto il passaggio al DVB-T2 e HEVC sarà, almeno per le prime emittenti che lo faranno, un vero shock tanto che c’è da aspettarsi una certa ritrosia da parte degli editori ad essere nel gruppo dei “pionieri”, il che potrebbe portare a dei ritardi, anche solo per la gestione dei prevedibili ricorsi al TAR.

Sarà necessario intervenire anche sull’impianto di antenna

I primi canali che lasceranno le vecchie frequenze per passare alla nuova assegnazione del Piano Nazionale saranno soggette di fatto a una “sparizione” da un gran numero di case. Innanzitutto da quelle degli utenti che ancora non avranno deciso di cambiare TV con un modello di nuova generazione o che non avranno affiancato un decoder al vecchio TV. Ma non bisogna sottovalutare, per esempio nei condomini e per tutti gli impianti canalizzati, anche la necessità di riconfigurare la centrale di antenna per filtrare correttamente i canali che diventeranno attivi, diversi da quelli precedenti. A questo proposito, val la pena di ricordare il cambio di frequenze messo in pista da La7 nell’estate 2016 che aveva portato praticamente a una specie di “oscuramento” generalizzato dell’emittente da moltissimi impianti condominiali, fino al necessario intervento di riconfigurazione da parte dell’antennista. La difficoltà ora è che i cambi non riguarderanno un canale ma tutti e non saranno neppure tutti all’unisono; quindi è facile prevedere grandi disagi per gli utenti, anche per coloro che avranno adeguato il proprio TV, e la necessità di interventi probabilmente ripetuti da parte degli antennisti. Ammesso che questi, chiamati all’unisono da così tanti clienti, riescano a rispondere in maniera tempestiva a tutte le richieste.

Ci sono gli incentivi per i decoder ma sono briciole rispetto alle necessità

La legge Finanziaria prevede anche una serie di stanziamenti per agevolare questo delicato passaggio. Si tratta di soldi tratti dai proventi della messa all’asta della banda 700 MHz alle telco per il 5G, un’asta dalla quale il Governo prevede di incassare come minimo 2 miliardi e mezzo di euro, come si legge nello stesso articolo della legge. Di questi 2 miliardi e mezzo (minimi, ma potrebbero essere di più), quelli reinvestiti per favorire il passaggio al DVB-T2 e HEVC sono circa 750 milioni: tutti gli altri, come minimo un miliardo e 750 milioni, sono destinati alle casse dello Stato.

In particolare, il piano di stanziamenti, anno per anno, previsto dalla Finanziaria è il seguente (dati in milioni di euro):

2018 2019 2020 2021 2022
Adeguamento impianti di trasmissione 6 24,1 24,1 228,1
Indennizzi per gli operatori locali 230,3 73,9
Contributo a utenti finali per decoder 25 25 25 25
Oneri finanziari e amministrativi MISE 5 10 14 18 19
TOTALE STANZIAMENTI (752,5 milioni) 5 41 293,4 141 272,1

Dei circa 750 milioni stanziati, la stragrande maggioranza, quasi 600, sono destinati alle emittentiper finanziare il riadeguamento degli impianti di trasmissione di quelle nazionali e per indennizzare le emittenti locali per le rinunce che il nuovo Piano Nazionale di Assegnazione delle Frequenze costringerà loro a fare. Agli utenti finali arrivano 100 milioni di euro, divisi in quattro tranche da 25, già a partire dal 2019. Anche proiettandosi al 2022, alla fine del processo, senza attività di incentivazione, ci sarebbero nelle case degli italiani un minimo di 10 milioni di TV non ancora compatibili con le nuove trasmissioni, e si tratta di stime conservative. I 100 milioni stanziati, stimando un possibile incentivo di 25 euro a decoder, il minimo, riuscirebbero a coprire al massimo 4 milioni di schermi, mentre per gli altri 6 milioni sarebbe necessario un adeguamento spontaneo a totale carico degli utenti. Ma la situazione – secondo le indiscrezioni che stanno circolando – potrebbe essere peggiore: gli incentivi agli utenti finali dovrebbero essere limitati ai cittadini esentati dal canone (praticamente ultrasettantacinquenni con reddito inferiore a 6713 euro) in ragione di 50 euro cadauno, un’operazione che porterebbe con i fondi stanziati a “salvare” circa 2 milioni di TV, abbandonando gli altri 8 (se va bene) al proprio destino. O meglio al proprio portafoglio.

Siamo veramente pronti a tornare al decoder?

A oggi, facendo una stima molto cauta e conservativa, i TV in funzione in Italia sono 45 milioni (anche se probabilmente sono di più). Di questi, se va bene sono 5 milioni quelli attualmente compatibili con le nuove trasmissioni digitali: 40 milioni di TV prima del 2022 dovranno essere adeguati, o con una sostituzione o con l’utilizzo di un decoder esterno, un numero enorme in un periodo relativamente breve.

È corretto pensare che in Italia, anche senza switch off, si sarebbe andati avanti a vendere i “soliti” 4,5 milioni l’anno di TV, che per legge, dal 1 gennaio di quest’anno, dovrebbero essere adeguati alle nuove modalità trasmissive. Anche dedotta la sostituzione spontanea, restano – come dicevamo  – qualcosa come 10 milioni di TV da adeguare al 2022; ma che diventano molti di più – probabilmente intorno ai 15 milioni – se consideriamo che alcune aree inizieranno lo spegnimento delle vecchie trasmissioni con due anni di anticipo rispetto alla data ultima. Chi fa le stime dell’impatto per i cittadini di un nuovo switch off tende a pensare che tutti adegueranno il proprio TV affiancadogli un decoder, piuttosto di rottamare un TV ancora funzionante. È sicuramente vero che questa sarà la tendenza e il fatto che esistano i decoder, con prezzi comunque moderati, a partire da una trentina di euro in su, è un’ottima notizia; ma la nostra sensibilità è che molta utenza non sarà cosi facilmente disposta al ritorno del decoder, qualcosa che in tanti hanno già mal sopportato nello switch off di qualche anno fa.

L’esperienza del passaggio dall’analogico al digitale ci ha insegnato ad “odiare” il decoder per le inevitabili scomodità che questo comporta: l’utilizzo di due telecomandi; la complessità, soprattutto per le persone anziane, della selezione dell’ingresso esterno; i cavi in vista e lo spazio da destinare allo “scatolotto” esterno. Ora, anche chi ha comprato nel corso del 2016 un TV top di gamma o giù di lì. Con l’aggravante che, questa volta, la promessa di valore collegata a questo passaggio delle trasmissioni al nuovo standard è più debole: non un aumento del numero di canali, come nel passaggio dall’analogico al digitale, ma semplicemente gli stessi canali, magari tutti (si spera) in alta definizione. Basterà per spingere gli utenti italiani al sacrificio economico e ai disagi del decoder?  

Ora inizia la partita degli emendamenti

La legge Finanziaria, o meglio il ddl di Bilancio, dovrà essere discusso in aula e probabilmente, con i suoi oltre 120 articoli, sarà oggetto di emendamenti a pioggia e tentativi di correzione da parte di opposizioni e lobby varie. Si stanno muovendo già le emittenti, soprattutto le locali, che si sentono scavalcate da un piano che non le vede certo protagoniste; si stanno muovendo le industrie coinvolte dal cambiamento. Non molto invece accade sul fronte delle associazioni dei consumatori che non sembrano essersi accorte della disposizione in questione. Ma i tentativi di “assalto” alla legge potrebbero essere minati dal probabile ricorso alla fiducia che potrebbe disinnescare la maggior parte degli emendamenti. Se il piano resterà quello del ddl attuale, avremo molte cose da raccontare nei prossimi mesi, in quella che già adesso sembra una rincorsa impossibile al fatidico 30 giugno 2022.

Autore dell'articolo: giosat

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Vai alla barra degli strumenti