“Negate i diritti alle donne”

Anna Muzychuk, la giovane detentrice del titolo mondiale, non andrà ai Campionati di Riad: “Non ho intenzione di indossare veli o essere scortata”. E rinuncia a un superpremio

di VALENTINA AVON

Anna Muzychuk è ucraina, ha 27 anni, è una campionessa mondiale di scacchi e ha appena rifiutato di gareggiare in Arabia Saudita: “Per non giocare secondo le regole altrui, non indossare un velo, non essere scortata in giro e non sentirmi una sottospecie umana”. Ha spiegato il suo gran rifiuto con un post su Facebook che sta facendo il giro del mondo, e con la solidarietà di sua sorella Mariya: anche lei scacchista, anche lei resterà a casa.

Anna detiene il titolo mondiale per due discipline di scacchi veloci, rapid e blitz, competizioni che durano 10 o 15 minuti. Titoli vinti esattamente un anno fa, come racconta lei stessa. Ai quali sta ora rinunciando, rifiutandosi di partecipare al Rapid and Blitz Chess Campionship di Riad. Che oltretutto ha un montepremi da sceicchi, è la stessa Anna Muzychuk a fare i conti: “In cinque giorni avrei guadagnato più che in una dozzina di eventi combinati. Tutto ciò è seccante, ma la cosa più triste è che a nessuno sembra davvero importare”. C’è amarezza nel messaggio di Anna, ma anche nessuna intenzione di rinunciare alle sue opinioni e ai suoi principi.

L’anno scorso un precedente lo creò un’altra campionessa, Nazi Paikidze, nata in Russia e oggi residente negli USA, che nell’ottobre 2016 rifiutò di partecipare ai Campionati mondiali femminili di scacchi a Teheran, in Iran, a causa dell’obbligo di indossare il hijab anche in gara. In Arabia Saudita il principe ereditario Mohammed bin Salman mostra di voler “alleggerire” il carico di restrizioni in vigore per le donne, dalla libertà prossima futura di poter guidare l’auto a quelle annunciate di poter assistere a eventi sportivi allo stadio o di poter entrare in un cinema. Ma per Anna Muzychuk, e per tutte le persone che la stanno sostenendo in questa sua scelta, non può bastare.

Sullo sfondo intanto si è sviluppato anche un conflitto diplomatico, con Israele che ha accusato i sauditi di avere deliberatamente impedito la partecipazione al torneo internazionale ai sette scacchisti israeliani, negando loro i visti di ingresso. La FIDE, la Federazione mondiale scacchi, ha ribadito che “i campionati sono un veicolo di promozione della pace e dell’amicizia fra le nazioni”, e di avere trattato con l’Arabia per far sì che le donne in gara potessero indossare abiti abbottonati fino al collo al posto dell’abaya, una lunga tunica scura che copre l’intero corpo, e che i giocatori di Iran e Qatar potessero ricevere i visti per partecipare. Visti che però non sono arrivati per i giocatori israeliani.

Autore dell'articolo: giosat

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *